Ricerca nel sito

  • Scopri la val d'Aveto
  • Scopri la Valle Sturla
  • Scopri la Val Graveglia

Territorio e ambiente

 Un antico mulino a turbina risalente al XVIII secolo, un inestimabile esempio del patrimonio di architettura rurale delle nostre valli

News ed Eventi

Dal 14.11.2021 al 14.11.2021
A Campo di Ne in Val Graveglia

Comune di Mezzanego

: Info turistiche, Enti e Associazioni
: Via Cap. Gandolfo 115 Mezzanego
: Valle Sturla
: 0185 336085
Comune di Mezzanego
L'insediamento di Mezzanego è di origine romana e formato da più nuclei, tra cui Prati, nucleo storico ben conservato e oggi sede comunale, e Borgonovo, di antica fondazione lungo un’importante direttrice commerciale che attraversava il Passo del Bocco, tutt’oggi via di raccordo con le valli del Parmense, comoda e paesaggisticamente rilevante.
Il Passo del Bocco è sede di uno dei Rifugi del Parco e può essere punto di partenza per bellissime escursioni verso il Monte Zatta, il Monte Aiona o il Monte Penna, o anche per brevi passeggiate adatte a tutti: il Bosco Giardino offre un percorso nel bosco per osservare la flora e la vegetazione tipica degli ambienti appenninici; il vicino Laghetto del Bocco è una piccola oasi di pace e natura dove passeggiare accompagnati dal lieve sciabordio delle sue acque; l'Anellino del Vailera è un facile percorso ad anello che gira intorno al Monte Vailera, attraverso un bel tratto di bosco. 
Si trova in Valle Sturla, vicino all'omonimo torrente e dista pochi kilometri dal mare e dalla costa del Tigullio.

Sul suo territorio si trova uno dei siti naturalistici più rilevanti della Liguria, la faggeta del Monte Zatta, sulle pendici settentrionali della montagna, comprese tra i comuni di Borzonasca e Mezzanego.
La notevole ricchezza geologica, floristica e faunistica dell’area ne fanno uno dei distretti maggiormente ricchi in biodiversità di tutta la Liguria. Grazie alla sua particolare posizione, inoltre, offre in ogni stagione opportunità diverse per chi voglia visitarla, rendendola meta particolarmente ricca di fascino per gli appassionati di ambiente e di montagna.

Mezzanego è stato in passato il "paese delle nocciole": fin dal Medioevo la corilicoltura è stata molto presente nelle Valli del Tigullio fino a giungere al suo culmine negli anni '50 del secolo scorso quando, a Mezzanego in primis, si producevano e lavoravano notevoli quantità di nocciole che venivano vendute anche a tante pasticcerie e cioccolaterie della Riviera, di Genova e addirittura del basso Piemonte e di altre località italiane e non solo. Le nocciole qui prodotte venivano smerciate sotto il nome di "Misto Chiavari": si tratta infatti di un "misto" di cultivar diverse, selezionate nei secoli in base alle specifiche capacità di adattamento alle diverse condizioni ambientali, che costituisce un unicum nel suo genere. 
Negli anni '70 purtroppo la concorrenza di altri paesi in cui le condizioni di coltivazione sono più agevoli ha portato a un declino dell'economia della nocciola nelle nostre valli e a un progressivo abbandono di molti noccioleti. 
Oggi si assiste invece a un processo di riscoperta e di rivalorizzazione, sia per quanto riguarda gli aspetti ambientali e paesaggistici del noccioleto, sia dal punto di vista della produzione e della trasformazione del frutto. A tale scopo è nata nel 2020 la Comunità Slow Food per la Valorizzazione della Nocciola Misto Chiavari delle Valli del Tigullio, un gruppo di persone con obiettivi ambiziosi che, insieme agli enti locali e al nostro Consorzio, promuove il recupero dei noccioleti ed altre iniziative di sviluppo della filiera. 


sito web del comune: www.comune.mezzanego.ge.it


Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica (IAT)
"Valli del Parco dell'Aveto"

Borzonasca, Via V. Veneto 13
Tel. +39 334 95 75 893 - 334 61 17 354
e-mail: iat.valliparcoaveto@gmail.com
www.unamontagnadiaccoglienza.it
Orario di apertura: clicca QUI